Asta Benefica - Madre Terra - Sotheby’s

arte, mostre, eventi, artisti, cultura contemporanea

 

100 OPERE D’ARTE PER

 

madreterra

 

 

ASTA BENEFICA

PROMOSSA DALL’ASSOCIAZIONE MADRETERRA ONLUS

A FAVORE DI MI S S ION I E S T E R E C A P PU C C IN I O N LU S

Sotheby’s – Palazzo Broggi

Via Broggi 19 – Milano

tel. 02 295001 - fax 02 29518595

mercoledì 20 aprile 2011, ore 19 (ore 18 cocktail)

Esposizione

martedì 19 e mercoledì 20, ore 10-13 / 14-18

Sotheby’s non applicherà la percentuale relativa ai diritti d’asta e quindi tutte le opere pubblicate in questo catalogo non saranno gravate da commissione d’acquisto.

Per dare un contributo di speranza a coloro che vivono nel disagio e nella sofferenza, il 25 ottobre 2002 è nata a Milano l’Associazione Madre Terra onlus a scopo di solidarietà sociale, senza fini di lucro, con il proposito di realizzare specifici progetti e iniziative nei paesi in via di sviluppo, ma anche in Italia.

 

A oggi, gli sforzi di Madre Terra si sono rivolti ai seguenti progetti:

- Pesce d’Oro: ha creato una cooperativa per la pesca sulle rive del lago Tanganika a Kigoma, in Tanzania,

dove si sono rifugiate 39 vedove congolesi con i loro bambini per sottrarsi ai massacri provocati dalla guerra civile

nella Repubblica del Congo.

- Piaga del Buruli: ha sostenuto le attività medico-chirurgiche dell’Ospedale di Zouan-Hounien in Costa d’Avorio,

dove vengono curati malati affetti dalla “piaga del Buruli”, una grave patologia simile alla lebbra che in Costa

d’Avorio ha già colpito circa diecimila persone.

- Little Angels Children’s Home: ha sostenuto e ampliato il centro Little Angels Children’s Home, Poonjeri Village,

Mamallapuram, Tamil Nadu, South India, che attualmente ospita circa trenta bambini orfani o abbandonati.

- Casa della Carità, Milano: ha raccolto fondi per sostenere le attività dell’Istituzione milanese che ospita e cura

persone in difficoltà.

- Dieci scuole in India, in collaborazione con l’Associazione Shanti di Corsico.

Per finanziare l’attuale progetto Pozzo per il villaggio di Karina, promosso da Missioni Estere Cappuccini Onlus, Madre Terra ha raccolto oltre cento opere d’arte moderna e contemporanea che Sotheby’s mette all’asta il 20 aprile 2011 presso la sua sede di Milano. Tra gli artisti rappresentati: Lucio Del Pezzo, Gillo Dorfles, Max Ernst, Emilio Isgrò, Marino Marini, Mimmo Paladino, Mario Sironi, Aaron Siskind, Gianfilippo Usellini, Andy Warhol ecc.

La precedente Asta di Madreterra organizzata nel 2003 - sempre con Sotheby’s - aveva registrato il 100% di venduto.

Ricordiamo tra i lotti che allora fecero i prezzi più alti Bonalumi, Giuliano Mauri e Warhol.

Hanno contribuito alla raccolta delle opere critici d’arte, gallerie e collezionisti, in particolare la Fondazione Antonio

Mazzotta, tutti uniti da un generoso spirito di solidarietà.

Le opere saranno visibili martedì 19 e mercoledì 20 aprile nella sede milanese di Sotheby’s (ore 10-13 / 14-18).

Soci fondatori dell’Associazione Madre Terra onlus: Maria Teresa Fiorio, Bianca Franchetti, Giovanna Frea,Giuseppe

Melzi, Italo Rota, Luigi Sansone.

Un valido sostegno all’iniziativa è stato offerto da: Fondazione Antonio Mazzotta, Milano; Fondazione Marconi Arte Moderna e Contemporanea, Milano; Galleria Milano, Milano; Galleria Montrasio, Milano-Monza; Sotheby’s, Milano.

 

Si ringraziano inoltre Archivio Cesare Andreoni, Carlo Bertè, Silvia e Angelo Calmarini, Leda Calza, Pietro Coletta, Nicoletta Colombo, Gillo Dorfles, Barnaba Fornasetti, Michele Ketoff, Michela Marcellino, Sandro Martini, Giorgio Pajetta, Margherita Palli, Domenico Pertocoli, Patrizia Serra, Remo Stoppani, Fanny Usellini, Matteo Zarbo, Torre Informatica Srl Busto Arsizio.

 


Per informazioni:

Fondazione Antonio Mazzotta, tel. 02.8055803, www.mazzotta.it

Onlus Associazione Madreterra, Via Redi 31 20129 Milano

 

Progetto: POZZO PER IL VILLAGGIO DI KARINA

Luogo: Villaggio di KARINA – Regione Gash-Barka Eritrea.

Obiettivo: acqua potabile grazie alla costruzione di un pozzo, migliorando le condizioni igienico-sanitarie di tutta la popolazione.

Benefi ciari: 2000 abitanti del villaggio di Karina.

Descrizione: Il villaggio di Karina dista 35 chilometri dalla città di Barentù, nei pressi del fi ume Gash: per tale ragione la

profondità dello scavo non dovrebbe

superare i 25 metri. La realizzazione del progetto prevede la trivellazione del terreno, l’installazione di una pompa a energia solare,

l’acquisto delle tubature, la costruzione del pozzo e della fontana di distribuzione.

Motivazioni che hanno dato vita al progetto: I circa 2000 abitanti del villaggio di Karina sono dediti alla pastorizia e

all’agricoltura; per l’approvvigionamento

dell’acqua le donne e i bambini, in particolare, devono percorrere decine di chilometri ogni giorno a piedi portando l’acqua sulle

spalle oppure con animali da soma; l’acqua viene spesso attinta da pozzi a cielo aperto, con grave pericolo di malattie e infezioni.

Contesto: Il villaggio di Karina è situato nella regione eritrea di Gash-Barka, che confi na a sud con l’Etiopia e a ovest con il

Sudan; è la regione più grande

dell’Eritrea (37.000 kmq, 600.000 abitanti), con un’altitudine sul livello del mare che varia tra i 600 e i 1600 metri.

Il livello delle precipitazioni annue è compreso tra i 230 e i 700 mm (il periodo delle piogge è da fi ne giugno a fi ne agosto) e la

temperatura varia da una minima

di 12 a una massima di 47 gradi. La regione è attraversata da due fi umi, da cui prende il nome: il Gash e il Barka, entrambi a

carattere stagionale. Attualmente il paese è fortemente penalizzato da due fattori: la scarsità delle piogge, cui hanno fatto seguito

periodi di forte siccità; i danni arrecati dal

confl itto con l’Etiopia (generato da una disputa intorno alla delimitazione dei confi ni), che hanno costretto migliaia di persone ad

abbandonare i loro villaggi,

a cui solo ora stanno gradualmente facendo ritorno.

Rendere l’acqua reperibile nei pressi del villaggio è una necessità urgente e della massima importanza.

Costo totale per la realizzazione del progetto: Euro 25.000,00 (venticinquemila/00).

Il responsabile del Progetto, Mons. Thomas Osman, Frate Cappuccino, si impegna a fornire la documentazione scritta e fotografi

ca della realizzazione del progetto:

M I S S I O N I E S T E R E C A P P U C C I N I O N L U S

Piazzale Cimitero Maggiore, 5 – 20151 Milano – Tel. 02.30.88.042 –

Fax: 02.33.49.30.444

Cod. Fiscale: 97326950157 P. Iva 03956330967 http://www.missioni.org – E-mail: info@missioni.org

 

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 491 visitatori collegati.

Informazioni su 'Redazione'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)