articoli di Giacomo Momo Gallina

LittleItaly: il nuovo show-space

LittleItaly, la galleria d’arte di Valentina Tosoni e Pasquale di Molfetta, debutta nel panorama milanese nel 2007 ma trova, finalmente respiro, nel 2010, in via alzaia naviglio Grande 42. Un complesso di loft adibiti a studi di architettura e angoli concretamente versatili che suggeriscono la scelta di occupare uno spazio e adibirlo a galleria d’arte e non solo. Così, LittleItaly, vuole distinguersi come punto di ritrovo, organizzazioni eventi, sperimentazioni e ideazione in itinere e molto altro ancora. Il dehor porticato, richiama temi esotici cui far riferimento sia nel periodo invernale sia in quello estivo. Il nome indica il famoso quartiere newyorkese ma è ben distante dall’idea di associarsi a esso, al contrario, vi è il desiderio di riportare l’eccellenza italiana, proprio in Italia. Un paradosso reale in una contemporaneità capace di stupire all’estero per qualità e fama, dimenticandosi del campanilismo tipico di un paese ben strutturato e con una memoria sociale e storica di cui vantarsi. Lo spazio rivendica, con il nome LittleItaly, derive internazionali per un pubblico a 360 gradi.

 

Intervista a Thomas Bee

Ogni opera, anche la più fantasiosa, è in rapporto con il luogo e il tempo in cui viene creata.Il fatto di dover periodicamente rinnovare la presa di coscienza del confine tra sé e il mondo è causato dall’attenzione spasmodica che oggi si dà al modo in cui si appare, a come gli altri ci vedono. Il che allontana da una coscienza stabile di sé.

 

 

Intervista Fabrizio Pozzoli

fabrizio pozzoli scultura

Il periodo trascorso negli Stati Uniti nel 1994 e quello In Inghilterra del 1998, rappresentano due tra le esperienze più dense e significative della mia gioventù. Nel primo caso, il violento impatto del tutto ignorante con la lingua inglese in una realtà così lontana dal forte provincialismo italiano. Nel secondo caso, l’immersione a occhi e naso tappati nell’atmosfera unta e appiccicosa della cucina di un fast food inglese. Situazioni altamente formative( e volutamente scomode) ma che in realtà nulla hanno contribuito al mio cammino artistico, che ha avuto inizio ben più in là ( o più in qua) nel tempo.

 

La Scultura italiana del XXI secolo

Arriva la sera del 19 Ottobre e con un collega, mi precipito alla fondazione Pomodoro in via Solari 35 per l’anteprima stampa. Trovo un po’ di confusione tra il book-shop, il guardaroba e chi, in teoria, dovrebbe controllare gli inviti. Senza accorgermene sono già all'interno della fondazione. Lo spazio, che già conosco, mi lascia come al solito perplesso tanto è immenso e bello. Con astuta precisione trovo, immediatamente di fronte a me, il cavallo di Cattelan, opera senza titolo in dimensione naturale come naturale era il povero cavallo, ossia vivo e poi imbalsamato.

Personale Milanese di Vasco Bendini | Giacomo Gallina

Vasco Bendini, ottantotto anni di creatività esplosiva porta alla Galleria Bianconi un'inedita collezione 2009/2010 di una contemporanatà invidiabile a molti giovani artisti.Il protagonista dell'informale, corrente artistica nata tra gli anni '50 e gli anni '60 che rifiuta ogni tipo di geometria e, quindi di razionalizzzazione dell'opera...

 

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 219 visitatori collegati.

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)