ANDERSWO ALTROVE

ANDERSWO ALTROVE

Titolo

ANDERSWO ALTROVE

Inaugura

Venerdì, 21 Settembre, 2012 - 18:00

A cura di

Martha Jiménez Rosano e Luigi Meneghelli

Artisti partecipanti

Giancarlo Lamonaca

Presso

Museo Civico di Chiusa

Comunicato Stampa

ANDERSWO_ALTROVE
Mostra d´arte pubblica con installazioni in situ sulla città di Chiusa
opere di GIANCARLO LAMONACA
 
Nell’ambito del progetto interculturale d’arte Open City Museum

Per il Giubileo „20 anni e 100 mostre„ del Museo Civico di Chiusa

Frag – Via Fraghes 1 – 39043 Klausen Chiusa (BZ)
Telefax 0472846148 – museum@klausen-bz.it – www.facebook.com/museumklausenchiusa

Inaugurazione
venerdì 21 settembre 2012, ore 18.00
 

Durata della mostra
22.9. – 3.11.2012
 
Orari d’apertura
ma-sa, ore 9.30 – 12, ore 15.30 – 18
Domenica, lunedì e 1/11 chiuso

A cura di: Martha Jiménez Rosano, Luigi Meneghelli

Il Museo Civico di Chiusa festeggia il 20º anno d’attività espositiva con questa mostra che rappresenta un approccio inedito per la città.

Giancarlo Lamonaca reinterpreta il paesaggio urbano della città di Chiusa e mette in risalto elementi della sua storia, cultura e architettura che la caratterizzano come città d’arte e zona di contatto per lo scambio intellettuale e sociale. L’artista realizza un processo d’identificazione alternativo della città, anche in relazione con gli abitanti e passanti che partecipano al mutamento quotidiano. Nell’ambito del progetto interculturale d’arte Open City Museum, propone l’oggetto d’arte come strumento conoscitivo e di riflessione per la crescita individuale e collettiva della società: le operazioni dell’artista negli spazi cittadini avviano il dialogo e l’interazione fra le persone e promuovono la riflessione e l’apertura verso l’altro. Il progetto e la mostra sono a cura di Martha Jiménez Rosano, ideatrice di Open City Museum, con una collaborazione di Luigi Meneghelli, critico e curatore di Verona.
 
"L’arte che tenta di produrre esperienze “altre” rispetto agli spazi dell’abitudine, l’arte che illumina il “non visibile”, aprendo nuove possibilità di luogo, di abitazione, di visione. L’arte che smette di essere puro feticcio autoreferenziale, chiuso nel proprio recinto magico e prende a relazionarsi con il contesto sociale e urbanistico.
L'obiettivo non è quello di costruire consenso, ma comprensione dei dati del mondo, non quello di offrire pure informazioni visive, quanto la coscienza (o, almeno, il sospetto) che ogni elemento realistico implichi o nasconda qualcosa di ambiguo, di elusivo, di enigmatico. 
Quella di Lamonaca è la poetica dello spostamento e della traslazione, la logica dell’”altrove”. Nelle sue immagini siamo chiamati a cercare anche quello che non c’è, l’alternativa possibile, l’altra faccia del mondo: a stanare, se si vuole, l’oggetto nascosto o decontestualizzato, come in un racconto poliziesco o in un romanzo di Poe."  Luigi Meneghelli

Nella seconda metà del XIX secolo Chiusa diventa una “mecca degli artisti” nota in tutta l’Europa. Situata lungo una delle vie di transito più importanti attraverso le Alpi la cittadina medievale con la silhouette marcata di Sabiona offriva un soggetto artistico assai apprezzato.
L’ascesa di Chiusa a “cittadina degli artisti” inizia negli anni 70 del XIX secolo, allorché soprattutto pittori germanici e austriaci scoprirono il pittoresco fascino della città e dei suoi dintorni. Lo spunto decisivo venne da una scoperta di carattere storico-letteraria. Nel 1867 si arrivò all’identificazione del maso Vogelweider nella vicina Novale di Laion come presunta patria natia del più famoso menestrello tedesco del medioevo, Walther von der Vogelweide. L’eco che ne seguì in ambito scientifico fu grandissimo e Chiusa diventò meta prediletta da eruditi, tra questi molti artisti, che contribuirono a celebrarla anche all’estero. Iniziò un periodo d’oro per la cittadina quale ritrovo degli artisti. Tra il 1874 e il 1912 furono ben oltre 250 tra pittori e scultori, che soggiornarono a Chiusa. La prima guerra mondiale pose però fine a quest’epoca così proficua per la città. La nuova situazione politica ma ancor’ più i cambiati orientamenti nell’ambito artistico impedirono una continuazione dopo il periodo bellico. Furono tempi agitati per la cittadina, sempre in bilico tra entusiasmo per le innovazioni e attaccamento alle tradizioni, tra rinnovamento culturale a livello europeo e culturale provinciale. Gasser C., Krauss, C. (a cura di). La colonia artistica di Chiusa 1874 – 1914. Chiusa, 2000, p.75.

Punti d’intervento dislocati nella città
Opere di grande formato sono presenti negli spazi pubblici della città. L’identificazione dei punti d’intervento è l’esito di una ricerca olistica: l’artista osserva la città, si muove e interagisce con i suoi spazi e ne identifica chiavi di lettura. Il patrimonio artistico e storico della città di Chiusa ha un ruolo fondamentale nel processo. L’artista considera le rappresentazioni che fino ad oggi hanno contribuito nello spazio e nel tempo alla definizione e riconoscibilità della città, ed elabora possibili paradigmi.
 
Mostra e installazione presso il Convento dei cappuccini
Le opere in mostra presso il Museo Civico di Chiusa, con sede nel Convento dei cappuccini, completano la ricerca site-specific sulla città: il museo diventa allo stesso tempo uno spazio per l’esplorazione della città e della propria collezione permanente sotto nuove chiavi di lettura e zona di contatto tra le persone.
 
PERCORSI CITTADINI
Il pubblico intraprende i percorsi che animano e danno forma alla mostra: l’opera d’arte non si considera finita a sé; si completa nella messa in relazione con lo spazio e attraverso la percezione del fruitore. Le opere diventano parte degli spazi socio-relazionali dei cittadini. La sede del Museo è il punto di snodo. Una mappa in formato cartaceo e digitale facilita l’orientamento del pubblico alla localizzazione delle opere.
 
Durante la “Lunga notte dei Musei”, il sabato 22 settembre alle ore 17.30 avrà luogo una visita guidata alla mostra con la curatrice Martha Jiménez Rosano e l’artista Giancarlo Lamonaca. Il pubblico è invitato a seguire un percorso nella città segnato dagli interventi dell’artista. Punto di partenza è la sede del Museo. Durante la "Giornata del Contemporaneo" promossa da AMACI – Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani, il sabato 06 ottobre, alle ore 17.30 avrà luogo una visita guidata con la curatrice e l'artista.
 
Giovani altoatesini e nuovi cittadini guideranno il pubblico alla scoperta del percorso proposto dall’artista: offriranno visite guidate alla mostra e ai punti d’interesse della città in italiano, tedesco, albanese, spagnolo, urdu/Punjabi, facilitando l’accesso alla proposta d’arte contemporanea e al patrimonio culturale e artistico della città. Punto di partenza è la sede del Museo.
 
Sabato 29 settembre:
10.30: visita guidata in italiano
15.30: visita guidata in albanese
 
Sabato 06 ottobre:
10.30: visita guidata in tedesco
15.30: visita guidata in spagnolo
 
Sabato 13 ottobre:
15.30: visita guidata in urdu/Punjabi
 
SERATA DI DISCUSSIONE
In collaborazione con l’Associazione Ecolnet – Ecologia del lavoro, di Bolzano, si invita a tutto il pubblico a partecipare all’incontro con esperti invitati per riflettere su “Arte partecipativa e sostenibilità dell’arte: quali possibilità nel fare arte oggi?”, giovedì 18 ottobre 2012 alle ore 20.00, presso la Sala Walther, Città Alta 61, Chiusa.
 
Per saperne di più via QR-Code
In collaborazione con l’Associazione Beni Culturali di Chiusa (Kulturgüterverein Klausen) e grazie all’utilizzo di un sistema di geo-localizzazione è possibile conoscere i dettagli degli interventi dell’artista e del patrimonio storico-artistico della città nel momento stesso in cui si è di fronte ad essi: ogni intervento in città è accompagnato di un QR-Code che attraverso il telefonino dà la possibilità di accedere al sito web dell’Associazione Beni Culturali di Chiusa (www.kgv-klausen.it), dove si trovano tutte le informazioni. Inoltre, il sito del progetto www.opencitymuseum.com registra gli aggiornamenti graduali del allestimento e dello sviluppo del progetto con il fine di coinvolgere il pubblico fin da subito in un’azione didattica e di confronto diretto con l’arte contemporanea.

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 2 utenti e 415 visitatori collegati.

Inaugurano Oggi

Panettone Party 2017

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea A cura di: Ornella Piluso
Con: Tra gli artisti presenti alla mostra: Lucia Abbasciano - Ornella Bonomi -...
Presso: Società Umanitaria

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)