AfreakA di Manuel Scrima a cura di Alessandro Turci

AfreakA di Manuel Scrima a cura di Alessandro Turci

Titolo

AfreakA di Manuel Scrima a cura di Alessandro Turci

Inaugura

Domenica, 28 Ottobre, 2012 - 18:00

A cura di

Alessandro Turci

Artisti partecipanti

Manuel Scrima

Presso

stoa’

Comunicato Stampa

28 ottobre 2012 – 11 novembre 2012 - inaugurazione 28 ottobre 2012 ore 18
centro giovanile stoa’ – via gaeta, 10 - busto arsizio (va)
orari di visita: sabato e domenica 17-19 ingresso libero
infotel: 0331 627077 – e-mail: segreteria@stoabusto.it

 

Descrivere l’Africa oggi è impresa assai complessa. La bellezza riposta in una moltitudine di etnie, lingue, usi, culture acquisisce quasi significato di memoria storica da trattato d’altri tempi. Si percepisce uno scollamento tra una realtà fondata sulla diversità integrata in un delicato ecosistema costruito non solo sul rispetto dell’ambiente, ma della persona e dei suoi rapporti sociali e i recenti accadimenti propri di un nuovo colonialismo. La sconcertante verità si basa su opposti sentimenti con una comune matrice. Ne consegue un distorcimento anomalo e mostruoso, freak appunto, che non può, e per altri aspetti non deve passare inosservato. La routine di situazioni che si ripetono in un corso e ricorso storico parlano di sfruttamento, oppressione, invasione, sopraffazione che spesso hanno come complici speculazioni ed interessi ben lontani dalle descrizioni iconografiche di genere. E così pure la tecnologia, il progresso e l’emancipazione stridono di fronte ad intere popolazioni ormai perdute o dal destino irrimediabilmente segnato. Se le immagini di Manuel Scrima vogliono riconsegnare al mondo i gesti ormai rari di genti lontane, la loro fierezza di una cultura millenaria, di una tradizione rituale raffinata, di una memoria che vogliamo conservare come
per preservare una verità ancora possibile, dall’altro ne nasce l’inevitabile confronto con un “mundus alter” ed un processo tecnologico inarrestabile che contamina e spesso stravolge proprio quella coscienza cercata di una nuova e più autentica identità e con essa il senso dello spazio e del tempo. Due video a camera fissa interfacciano mondi paralleli e tuttavia antitetici : la calma ieratica quasi surreale di un villaggio Masai dove nulla sembra accadere ed il lento scorrere del tempo ci riconsegna a quella impropria fissità di immagine che considera la riflessione un valore ( “ Stiamo vivendo in un periodo difficile, nel quale il tempo ha sempre più valore semplicemente perché ce n’è sempre meno…” da The Abramovic Method di Marina Abramovic ) e un’altrettanto vera quanto sarcastica staticità per così dire “dinamica” del frenetico succedersi di un andirivieni di personaggi che entrano ed escono da uno shopping center di Nairobi. Al di là dal volere essere denuncia sociopolitica, il percorso di Manuel Scrima si snoda tra contrasti diretti e veri, indagando sul lento evolversi di accostamenti inusuali ed”integrati”. Un racconto autentico composto di immagini straordinarie, di libertà, orgoglio, comunione, accettazione, ed anche un afflato di speranza a contrastare un minaccioso impoverimento di quel microcosmo di luoghi, economie e coscienze basato sulla diversità. Quesiti posti agli strumenti conoscitivi e percettivi del nostro mondo ed a quel senso di responsabilità e di appartenenza detta civiltà.

Alessandro Turci - Copy Director

 

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 475 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)